More share buttons
Share with your friends










Inviare
Vuoi JARVIS?
Basta un click!

Il Vice Ambasciatore Fabrizio Bielli e il ciclismo indoor: “MD ha cambiato la mia strategia di allenamento.”

  20 febbraio 2019

Il ciclismo indoor necessita di una strategia di allenamento personalizzata che tenga conto di tanti fattori. Lo sa bene Fabrizio Bielli, Vice Capo Missione presso l’Ambasciata d’Italia a Tashkent (capitale dell’Uzbekistan) e una vita spesa nell’attività diplomatica per il nostro Paese, che ha scelto proprio MagneticDays per migliorare la qualità del suo allenamento sui rulli in un territorio, quello uzbeko, che presenta condizioni atmosferiche – in alcuni periodi dell’anno – non proprio favorevoli all’uso della bicicletta su strada. Assenza totale di iodio, freddo continentale (a seconda delle stagioni) e le molte ore da dedicare al lavoro, non permettono a Fabrizio di dedicare spazi sufficienti all’allenamento su strada con una certa continuità.

Ciclismo Indoor | Strategia Di Allenamento

“La città di Tashkent – racconta Fabrizio – ha origini molto antiche che risalgono al III secolo a.C.; abitata inizialmente dagli antichi Saki in un’area che si trovava sulla via della seta e racchiudeva la presenza di numerose etnie presenti a quel tempo (Sogdiani, Cinesi, Persiani), fu conquistata prima nel VII secolo d.C. dal Califfato arabo e successivamente fu annessa all’impero mongolo di Genghis Khan. Tashkent dunque, è un vero incrocio di culture islamiche e laiche, alimentate anche dalla presenza russa dalla seconda metà del 1800 ad oggi. Notevoli sono le testimonianze ed i luoghi che ricordano questo brillante passato, seppure alcuni siti e luoghi di interesse storico hanno subito danni a causa del violento terremoto che distrusse più di 60 anni fa una parte della città. Oggi Tashkent ha la tipica fisionomia di una città dell’Europa orientale ed è considerata, a ragione, tra le città più vivibili, e in forte crescita, dell’intero panorama centro asiatico.

Il lavoro di diplomatico mi ha portato a viaggiare molto, specie nei Paesi orientali, ma ho sempre portato con me la grande passione per la bici che mi accompagna fin dalla adolescenza quando, pur togliendomi da subito tante soddisfazioni in molte gare (arrivando fino ai dilettanti), mi sono reso conto che potevo essere forse un discreto gregario ma non di più. Negli anni ho continuato a coltivare questa passione in giro per il mondo dove il lavoro mi ha condotto a rappresentare il nostro bel Paese: Arabia Saudita – dove per due anni ho vinto il campionato riservato ai ciclisti amatori – Cina, Nigeria e oggi Uzbekistan, dove lavoro presso l’Ambasciata Italiana.”

 

Cambiare strategia di allenamento per massimizzare l’impegno

Il concetto di allenamento sui rulli che avevo – continua il Vice Capo Missione Bielli – è radicalmente cambiato. Come molti amatori, ho sempre creduto che allenarsi in maniera estenuante (anche in condizioni climatiche poco favorevoli) potesse avere un senso. Prestanza fisica, gioventù e un pizzico di incoscienza, sono stati gli ingredienti dei miei primi anni da amatore. Tante belle soddisfazioni certamente, e bei ricordi, ma anche delusioni a fronte di allenamenti estenuanti che portavano a poco. Da lì il desiderio di saperne di più, cambiare strategia di allenamento e cercare di massimizzare al meglio i miei sforzi senza commettere più gli errori del passato, consapevole di dover conciliare fattori come lavoro, impegni familiari e tempo, quest’ultimo sempre meno a disposizione.

 

MagneticDays in Uzbekistan: un allenamento indoor senza confini

L’allenamento indoor è senza confini con MagneticDays. Con il plus di poter essere seguiti step by step da un Coach MD, in ogni momento e in qualsiasi luogo ci si trovi, il nostro sistema di allenamento può davvero essere utilizzato in tutto il mondo e in qualsiasi condizione, proprio come quella che Fabrizio si è trovato ad affrontare: “All’età di 53 anni (non più un ragazzino) ho avuto la fortuna di conoscere il sistema di allenamento indoor MagneticDays che mi ha conquistato fin da subito per alcuni aspetti fondamentali: l’estrema accuratezza e precisione e la straordinaria facilità con la quale mi permette di massimizzare al meglio ogni allenamento, ottimizzando al massimo il poco tempo a disposizione che ho per gli allenamenti. Qualche anno fa non avrei mai pensato che si potesse praticare ciclismo indoor di qualità anche a migliaia di chilometri di distanza da casa e con una semplice app installata sul proprio tablet o smartphone. Oggi il mio concetto di allenamento è totalmente cambiato. Occorre fare più qualità rispetto alla quantità, per evitare sia gli infortuni (che prima o poi ti presentano il conto se non stai attento) sia di rimanere sempre allo stesso livello, pur essendo convinti di essere sulla strada giusta. L’allenamento sui rulli è diventato oggi un qualcosa di indispensabile vista la mia situazione lavorativa ma è anche e soprattutto un piacere fisico e mentale, perché posso allenarmi in maniera più specifica e produttiva, e colmare quel gap che non mi ha ancora permesso, negli ultimi anni, di poter vincere una gara tra gli amatori. Gli allenamenti che il Coach MD Luca Castellone prepara su misura per me sono divertenti, stimolanti e sempre diversi. Ogni settimana percepisco nettamente i miglioramenti sotto tutti i punti di vista e la mia condizione sta crescendo sempre di più. Non vedo l’ora di tornare in Italia per poter gareggiare su strada – probabilmente nel mese di Aprile – e mettermi alla prova concretamente.”

Strategia Di Allenamento | Ciclismo Indoor

Sullo stesso argomento: